Home » Argomenti » Attualità » Autotrasporto, incentivi per veicoli ecologici e rinnovo dei mezzi pesanti

Autotrasporto, incentivi per veicoli ecologici e rinnovo dei mezzi pesanti

18/11/2021

Nel giorno in cui si registra un forte calo per il mercato europeo dell’auto (-29,3% a ottobre) anche a seguito della crisi dei chip, il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini ha firmato due decreti per un valore complessivo di 100 milioni di euro volti a incentivare l’acquisto di veicoli ecologici e il rinnovo di mezzi pesanti. 

“Un passo significativo - a detta del ministro - verso la trasformazione in senso ecologico e una maggiore sicurezza stradale dei mezzi utilizzati dall’autotrasporto”. Il provvedimento segue quello con il quale, grazie ai fondi del Pnrr, sono stati previsti incentivi per l’eliminazione degli autobus più inquinanti. 

Il primo decreto per gli “Investimenti ad alta sostenibilità” mette a disposizione delle imprese di autotrasporto 50 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026 esclusivamente per l’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa, ecologici di ultima generazione, in particolare ibridi (diesel/elettrico), elettrici e a carburanti di ultima generazione (CNG, LNG). Gli incentivi dipendono dalla tipologia e dalla massa complessiva del veicolo e vanno da un minimo di 4.000 euro per quelli ibridi di massa complessiva da 3,5 a 7 tonnellate fino a 24.000 euro per quelli elettrici oltre le 16 tonnellate. A questi importi si aggiunge un contributo di 1.000 euro in caso di contestuale rottamazione di un veicolo diesel. 

Il secondo decreto, per gli “Investimenti finalizzati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli”, mette a disposizione ulteriori 50 milioni di euro per il biennio 2021-2022 per incentivare la sostituzione dei mezzi da parte delle imprese di autotrasporto, rottamando quelli più inquinanti e meno sicuri. Questo decreto riserva una quota di 35 milioni di euro per l’acquisto di mezzi diesel Euro 6 solo a fronte di una contestuale rottamazione di automezzi commerciali vecchi e inquinanti. Gli incentivi vanno da un minimo di 7.000 a un massimo di 15.000 euro. Per l’acquisto di veicoli commerciali leggeri Euro 6-D Final ed Euro 6 il contributo è invece pari a 3.000 euro. Una quota di 5 milioni di euro è riservata all’acquisto di automezzi a trazione alternativa (ibridi, elettrici, CNG e LNG) con incentivi che, anche in questo caso, vanno da un minimo di 4.000 a un massimo di 24.000 euro, a cui si aggiungono 1.000 euro in caso di rottamazione contestuale di un mezzo obsoleto. Ulteriori 10 milioni di euro sono stati stanziati per l’acquisto di rimorchi e semirimorchi adibiti al trasporto combinato ferroviario e marittimo e dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggiore sicurezza e risparmio energetico.

Franco Metta

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Mobility as a Service, al via la seconda fase del progetto

13 città metropolitane, entro il 10 gennaio 2020, possono presentare proposte progettuali, come pre... (continua)

Certificati bianchi, aperta la prima sessione per l’assolvimento dell’obbligo 2021

Gse: la sessione, prevista dall'art. 14 del DM 11 gennaio 2017, terminerà il 30 novembre (continua)

Il Polo del Well Living attiva le imprese del territorio con CNVV e Comune di Novara

L’appuntamento è per giovedì 25 novembre presso il 3E Lab di Comoli Ferrari a partire dalle ore ... (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...