Home » Argomenti » Energie Rinnovabili » Rinnovabili: a luglio soddisfatta solo il 33% della domanda elettrica annuale

Rinnovabili: a luglio soddisfatta solo il 33% della domanda elettrica annuale

30/08/2022

Oltre agli attuali record storici dei prezzi del gas (339 €/MWh) e dell’energia elettrica (oggi il PUN è a 740 €/MWh), che colpiranno inevitabilmente il sistema produttivo e le famiglie, segnali ancora poco confortanti arrivano anche dalla generazione elettrica nazionale di fonti rinnovabili, a diurlo è il report mensile di Terna.

Infatti, anche a luglio la produzione di idroelettrico è stata molto bassa: -32,1% rispetto a luglio 2021, pari a 1,7 TWh in meno. Un dato che fa abbassare la quota di rinnovabili del mese al 32,2% circa, con una domanda in aumento del 2,2% in confronto a un anno fa (+8,4% su luglio 2020), aumento dovuto anche alle temperature sopra la media del mese scorso (+1,5 gradi rispetto a luglio 2021). Le rinnovabili a luglio hanno generato circa 10 TWh, cioè il 10,3% in meno di luglio 2021, il dato più basso dal 2014.

I dati diffusi dal report di Terna

Nel dettaglio, prendendo in esame il periodo gennaio luglio 2022, il report evidenzia come il contributo delle rinnovabili elettriche sulla domanda è stata del 33% (non è incluso apporto pompaggi), quando lo scorso anno invece si attestava al 38,7%.

 

 

L’elettricità prodotta da rinnovabili è stata finora di 62,3 TWh, inferiore di quasi 9 TWh rispetto all’anno precedente, con una domanda nazionale che nel periodo gennaio-luglio è aumentata del 2,7% (+4,9 TWh). Con il forte calo dell’idroelettrico (a fine luglio -11 TWh nell’anno), solo parzialmente compensato dalla generazione di fotovoltaico ed eolico (+2,4 TWh circa), di conseguenza è cresciuta di ben 13,6 TWh la produzione da termoelettrico (+13,8%), per la gran parte proveniente da centrali alimentate a gas.

La produzione da fobnti non rinnovabili

Nel 2022 la produzione da fonti non rinnovabili fa registrare una variazione percentuale in aumento (+15,9%) rispetto allo stesso periodo del 2021. In termini di produzione elettrica nazionale le fonti rinnovabili hanno contribuito in sette mesi per il 37,9% (senza considerare apporto pompaggi), contro il 44,7% dello scorso anno. Con la forte siccità registrata dallo scorso inverno, l’energia idroelettrica è riuscita a coprire appena il 9,1% della domanda (considerando stavolta l’apporto dei pompaggi), con un calo del 37,9% rispetto ad un anno fa.

Crescono eolico e fotovoltaico

Quest’anno per la prima volta il suo contributo è stato inferiore a quello del fotovoltaico. Rispetto a un anno fa sono cresciute invece il fotovoltaico (+11,6%) e l’eolico (+4,8).

Il fotovoltaico ha finora soddisfatto il 9,5% della domanda e l’eolico il 6,6% (contro, rispettivamente, l’8,8 e il 6,5% del periodo gennaio-luglio 2021).

Insieme le fotovoltaico ed eolico hanno prodotto finora 30,6 TWh (+2,4 TWh in più del 2021), il dato più elevato da sempre.
Solo se si considera anche la generazione di idroelettrico senza l’apporto dei pompaggi la sua quota sulla domanda elettrica a fine luglio scavalca di poco quella del fotovoltaico (9,6%).

Un dato che emerge dal report, inoltre, è che eolico e fotovoltaico costituiscono insieme il 49,2% di tutte le fonti rinnovabili. Un anno fa il peso dell’idroelettrico era del 41%, oggi appena del 29,2%.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Rinnovabili, Terna lancia consultazione sullo stoccaggio elettrico

Fino al 30 novembre 2023 la consultazione sullo schema di proposta di disciplina del meccanismo di a... (continua)

Legge di bilancio: ancora le fonti rinnovabili nel mirino

Nella legge di bilancio viene inserito il limite dell’energia elettrica a 180€/MWh e una nuova t... (continua)

Impianti fotovoltaici e termici: dimezzati i tempi per la valutazione dei VVF

Il decreto Aiuti ter convertito in legge dispone che, fino al 31 dicembre 2024, sono ridotti da 60 a... (continua)

Bando agrisolare, aggiornato l’elenco dei codici Ateco

Riscontrata la presenza di un errore materiale, con l'Avviso pubblico del 12/10/2022 n. 0510647, ha ... (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...