Home » Argomenti » Energie Rinnovabili » REPowerEU, dai pannelli solari sugli edifici all’idrogeno: ecco le novità della nuova strategia europea

REPowerEU, dai pannelli solari sugli edifici all’idrogeno: ecco le novità della nuova strategia europea

19/05/2022

La Commissione europea ha presentato il piano REPowerEU, ovvero la risposta alle difficoltà e alle perturbazioni del mercato mondiale dell'energia causate dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. 

La trasformazione del sistema energetico europeo è urgente per due motivi: da un lato porre fine alla dipendenza dell'UE dai combustibili fossili della Russia, dall’altro affrontare la crisi climatica. L'85 % degli europei ritiene che l'UE dovrebbe ridurre quanto prima la dipendenza dal gas e dal petrolio russi per sostenere l'Ucraina. Le misure contenute nel piano REPowerEU puntano quindi a realizzare questa ambizione attraverso il risparmio energetico, la diversificazione dell'approvvigionamento energetico e una più rapida diffusione delle energie rinnovabili per sostituire i combustibili fossili nelle case, nell'industria e nella generazione di energia elettrica.

Secondo la Commissione la trasformazione verde rafforzerà la crescita economica, la sicurezza e l'azione per il clima a beneficio dell'Europa e dei nostri partner. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF), fulcro del piano REPowerEU, sostiene la pianificazione e il finanziamento coordinati delle infrastrutture transfrontaliere e nazionali e i progetti e le riforme nel settore dell'energia. Il piano presentato dalla Commission Ue prevede una massiccia espansione e accelerazione delle energie rinnovabili nella generazione di energia elettrica, nell'industria, nell'edilizia e nei trasporti ci consentirà di conseguire l'indipendenza più in fretta, darà impulso alla transizione verde e abbasserà i prezzi nel tempo. La Commissione propone di aumentare dal 40 % al 45 % l'obiettivo principale per il 2030 per le rinnovabili nell'ambito del pacchetto "Pronti per il 55 %" (Fit for 55%). Questa maggiore ambizione generale getterà le basi per altre iniziative, tra cui: 

  • una strategia dell'UE per l'energia solare volta a raddoppiare la capacità solare fotovoltaica entro il 2025 e installare 600 GW entro il 2030; 

  • un'iniziativa per i pannelli solari sui tetti con l'introduzione graduale di un obbligo giuridico di installare pannelli solari sui nuovi edifici pubblici, commerciali e residenziali; 

  • il raddoppio del tasso di diffusione delle pompe di calore unito a misure per integrare l'energia geotermica e termosolare nei sistemi di teleriscaldamento e di riscaldamento collettivo; 

  • una raccomandazione della Commissione per affrontare la lentezza e la complessità delle procedure di autorizzazione per i grandi progetti in materia di rinnovabili e una modifica mirata della direttiva sulle energie rinnovabili affinché queste ultime siano riconosciute come interesse pubblico prevalente. Gli Stati membri dovrebbero istituire zone di riferimento specifiche per le rinnovabili con procedure di autorizzazione abbreviate e semplificate in presenza di minori rischi ambientali. Per agevolare la rapida individuazione di tali zone, la Commissione mette a disposizione serie di dati sulle zone sensibili dal punto di vista ambientale nell'ambito del suo strumento di mappatura digitale dei dati geografici relativi all'energia, all'industria e alle infrastrutture; 

  • la definizione di un obiettivo di 10 milioni di tonnellate di idrogeno rinnovabile prodotto internamente e 10 milioni di tonnellate di idrogeno rinnovabile importato entro il 2030 per sostituire gas naturale, carbone e petrolio nei trasporti e nei settori industriali difficili da decarbonizzare. Per stimolare il mercato dell'idrogeno i colegislatori dovrebbero concordare obiettivi secondari più ambiziosi per settori specifici. Sono inoltre in pubblicazione due atti delegati della Commissione sulla definizione e la produzione di idrogeno rinnovabile per garantire che quest'ultima porti alla decarbonizzazione netta. Per accelerare i progetti connessi all'idrogeno, sono stati stanziati finanziamenti supplementari pari a 200 milioni di € a favore della ricerca e la Commissione si impegna a completare la valutazione dei primi importanti progetti di comune interesse europeo entro l'estate; 

  • un piano di azione per il biometano, che definisce strumenti tra cui un nuovo partenariato industriale per il biometano e incentivi finanziari per portare la produzione a 35 miliardi di metri cubi entro il 2030, anche attraverso la politica agricola comune.

di Franco Metta

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Osservatorio FER, in calo l'eolico nel primo trimestre 2022

Prosegue invece la crescita del fotovoltaico (+185%). In ripresa l'idroelettrico che registra un +53... (continua)

ANEV e ITALIA SOLARE scrivono a Draghi sui presunti extra-profitti degli operatori del settore

Le associazioni nella lettera: “Abrogare gli iniqui provvedimenti degli extra-profitti e interveni... (continua)

Rinnovabili in lenta ripresa nel 2021. Sempre più sfidanti gli obiettivi al 2030

Presentato dall'Energy&Strategy - School of Management Politecnico di Milano il Renewable Energy Rep... (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...