Home » Flash News » FAAC acquisisce una parte del business europeo di ASSA ABLOY

FAAC acquisisce una parte del business europeo di ASSA ABLOY

29/06/2020

FAAC annuncia la sottoscrizione di un accordo vincolante grazie al quale acquisirà da ASSA ABLOY una parte del Gruppo Agta Record e alcune delle sue controllate dirette operanti nello specifico settore delle porte pedonali automatiche (APD) e delle porte a scorrimento veloce (HSD).
 
In particolare, FAAC acquisisce da ASSA ABLOY le sue controllate dirette in Francia e Regno Unito, le società operanti a marchio RECORD in Olanda, Austria, Ungheria e Slovenia e il diritto alla vendita in esclusiva dei prodotti Agta Record in Finlandia, Repubblica Ceca e Islanda. Il business oggetto dell’operazione sviluppa un volume di affari complessivo di 93 milioni di euro e può contare su 600 dipendenti circa, portando con sé un concentrato unico di know-how specifico di settore che coinvolge progettazione, produzione, marketing, installazione e assistenza post-vendita della più completa tipologia di porte automatiche (scorrevoli, a battente, girevoli, ermetiche, di sicurezza e veloci). Il prezzo pagato per l’operazione è di 100 milioni di euro, senza considerare la cassa e l’indebitamento in capo alle società acquisite.
 
Con questa acquisizione – commenta il CEO Andrea MarcellanFAAC si accredita a tutti gli effetti tra i più grandi operatori europei del segmento delle porte automatiche e, grazie alla stessa, il percorso di sviluppo tecnologico e di know-how di prodotto subisce un’accelerazione poderosa. Nella fase di analisi abbiamo identificato sinergie molto significative nei Paesi interessati a livello commerciale, tecnologico e manifatturiero, che contribuiranno in maniera determinante alla creazione di valore nel lungo periodo”.
  
Al termine delle operazioni di signing il Presidente Andrea Moschetti dichiara: “Siamo felicissimi di aver portato a termine con successo questa operazione, la più grande e complessa della storia di FAAC, a conferma della strategia di lungo periodo del gruppo e dei suoi azionisti, fortemente votata alla crescita e al miglioramento delle condizioni per tutti i suoi stakeholders, a cominciare dai suoi dipendenti e dai suoi clienti”.       
 
L’operazione è stata finanziata interamente con mezzi propri, “a riprova della straordinaria capacità dell’azienda di generare cassa, anche in un contesto difficile come quello attuale, e della possibilità di proseguire ed intensificare la propria attività acquisitiva ricorrendo alla leva e a forme di finanziamento alternative sul mercato dei capitali”, spiega il CFO Ezechiele Galloni.
  
Con questa acquisizione FAAC giunge a contare ricavi stimati consolidati per oltre 600 milioni di euro e un organico di circa 3.300 dipendenti. La transazione è soggetta alle consuete condizioni di chiusura e approvazioni da parte dell’autorità competente, che dovrebbero concludersi nel terzo trimestre 2020.
 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Cinque modi di interpretare il benessere in ufficio

Dal 26 al 30 ottobre cinque aziende terranno dei webinar, in cui illustreranno i risultati di ricerc... (continua)

Chillventa eSpecial, Eliwell racconta i suoi 40 anni di attività

Alla prima edizione digitale di Chillventa, Eliwell e Schneider Electric presentano le novità dell... (continua)

Alessandro Colasanti, nuovo AD di SoftwareONE Italia

Dal 1° ottobre il Service Manager ricoprirà la nuova carica di Amministratore Delegato (continua)

Il GSE aggiorna Atlaimpianti

I dati degli impianti FER sono consultabili attraverso due distinte modalità: navigazione cartograf... (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...

Gli effetti del Covid-19 sul settore illuminazione

Con la ripresa delle attività, i dati emersi...