Home » Argomenti » Elettricità » Da BTicino nuovi interruttori scatolati

Da BTicino nuovi interruttori scatolati

27/10/2021

Arrivano i nuovi interruttori scatolati ad alte prestazioni di Bticino: si tratta  degli interruttori M3 125 e M3 250 e sono apparecchi destinati all’installazione in quadri ed armadi  elettrici su piastra di fissaggio.  

La nuova gamma si compone di interruttori affidabili e robusti, facili da usare e da installare, che  forniscono una protezione efficace in ogni condizione. 

Sono disponibili in due dimensioni, nelle versioni a tre e quattro poli, in esecuzione fissa o  estraibile/rimovibile1 e con possibilità di scelta tra protezione magnetotermica o elettronica anche con differenziale integrato, nella stessa dimensione degli interruttori magnetotermici o elettronici  standard. 

Tra le caratteristiche principali, spiccano la semplicità e la velocità di accessoriamento: per gli  impianti in cui è richiesta la commutazione rete-gruppo o per gli impianti di sicurezza dove è richiesta  la massima continuità di servizio, sono stati sviluppati nuovi interblocchi meccanici su piastra per  gli interruttori nelle diverse esecuzioni (fissa, estraibile o rimovibile). 

Inoltre gli accessori elettrici sono comuni: i contatti ausiliari e di allarme, come pure gli sganciatori  di minima tensione e a lancio di corrente sono comuni, e in questo modo si ottimizza l’installazione  e la gestione dei magazzini. Tutti gli accessori elettrici sono facilmente installabili rimuovendo il fronte  dell’interruttore e accedendo alle specifiche predisposizioni interne. 

Per quanto riguarda gli accessori di comando, gli interruttori M3 250 possono essere accessoriati  con comandi a motore frontali, disponibili con diverse tensioni di alimentazione. Un’ampia gamma  di accessori di blocco garantiscono la massima sicurezza nelle diverse modalità operative o in caso  di manutenzione. Mentre per le manovre rotanti, possono essere dirette o rinviate: quelle dirette 

sono installate sul fronte degli interruttori, quelle rinviate, invece, vengono installate sul pannello di  finitura dei quadri e degli armadi elettrici, attraverso un albero prolungato, nel caso in cui  l’installazione dell’interruttore avvenga in posizione arretrata. 

E’ garantita infine una massima flessibilità installativa, considerato che se da un lato i nuovi  interruttori sono normalmente disponibili per l’installazione fissa, attraverso specifici accessori di  trasformazione, a seconda delle versioni, possono anche essere installati in quadri e armadi in  esecuzione rimovibile o estraibile. Per rendere ancora più flessibile l’installazione sono stati  progettati una serie di accessori di collegamento in grado di soddisfare ogni esigenza installativa  (morsetti, attacchi anteriori e posteriori…). 

La nuova gamma M3 125 e M3 250 sostituisce in toto gli interruttori MA/MH160 e MA/MH/ML250 e  250E 

  

CARATTERISTICHE GENERALI: 

▪ montaggio su piastra 

▪ adatti per ogni tipo di applicazione del terziario o industriale 

▪ corrente nominale: 16 A → 250 A 

▪ potere d’interruzione: 36 kA → 100 kA (380/415 VA) 

▪ protezione: magnetotermica o elettronica (per M3 250), differenziale 

BTicino, capofila del Gruppo Legrand in Italia, presente sul perimetro nazionale con una struttura organizzativa che comprende 10 insediamenti industriali, 9 centri R&D e circa 2.700 collaboratori, opera sul  mercato italiano con le offerte delle marche principali BTicino, Legrand, Cablofil, IME, Vantage e Nuvo. 

Ufficio Stampa BTicino  

Lifonti & Company Ruperto Relazioni Pubbliche Noemi Colombo Serafino Ruperto 

Mob. +39 342 6096571- noemi.colombo@lifonti.it Mob. +39 347 2605137 - serafino@ruperto.it

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Rallenta la domanda mondiale di elettricità e aumentano le FER

È quanto emerge dall'ultimo report con le previsioni per il 2022 sul sistema elettrico mondiale del... (continua)

“Comunità energetiche”: una nuova funzione per la progettazione efficiente

SDProget implementa la funzione “Comunità energetiche” all’interno del software SPAC EasySol ... (continua)

Quadri elettrici per climatizzazione e ventilazione

Da DKC la linea Ramklima caratterizzata dalla facilità d'installazione e elevate performance (continua)

Al via la progettazione della prima centrale elettrica a fusione capace di produrre 300-500 MW

L’impianto, denominato DEMO (Demonstration Fusion Power Reactor), entrerà in funzione intorno al ... (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...