Home » Argomenti » Elettricità » Bollette, in arrivo i rincari nonostante l’intervento del governo

Bollette, in arrivo i rincari nonostante l’intervento del governo

29/09/2021

Nei giorni scorsi il governo era intervenuto stanziando circa 3 miliardi di euro per dimezzare l’Iva sul gas e introdurre sconti sull’elettricità per le famiglie a basso reddito, ma nonostante la manovra di Palazzo Chigi in autunno aumenteranno del +29,8% la bolletta dell'elettricità e a +14,4% per quella del gas

Lo ha annunciato ARERA, l’Autorità di regolazione per l’energia che fa sapere che senza l’intervento del governo i rincari sarebbero stati ancora più elevati,  oltre il 45% la bolletta dell'elettricità e più del 30% quella del gas.

“Siamo in presenza di un ulteriore incremento del costo delle materie prime, più ampio ed imprevedibile del precedente. L'intervento del governo, cui abbiamo fornito il necessario supporto tecnico, ammorbidisce gli effetti in una fase delicata della ripresa per proteggere i consumatori più fragili -Stefano Besseghini, Presidente di ARERA - Accanto all'attenzione alle famiglie in più grave difficoltà, è ormai evidente l'ampia percentuale di famiglie e imprese che, pur essendo "nella media", fatica a sopportare la quotidianità. È a maggior ragione necessario un continuo lavoro per sfruttare tutte le opportunità per una riduzione strutturale dei costi energetici”.

GLI EFFETTI IN BOLLETTA

In termini di effetti finali, per l'elettricità nel 2021 la spesa annuale per la famiglia-tipo sarà di circa 631 euro, con una variazione del +30% rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 145 euro su base annua).

La spesa annuale della famiglia-tipo per la bolletta gas nel 2021 sarà di circa 1.130 euro, con una variazione del +15% circa rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 155 euro su base annua).

Nei confronti con il 2020 si deve tener conto dei prezzi particolarmente bassi riscontrati nel periodo della pandemia. Per l'elettricità, infatti, la spesa annua del 2021 è superiore di circa il 13% rispetto a quella pre-Covid del 2019, mentre per il gas si è sostanzialmente tornati ai livelli del 2019.

I MOTIVI DEGLI AUMENTI

Gli aumenti, a livello internazionale, sono legati al trend di forte crescita delle quotazioni delle principali materie prime energetiche; in particolare, i prezzi europei del gas sono cresciuti di oltre l’80% nel terzo trimestre del 2021 rispetto al secondo, con picchi nei mercati all'ingrosso di oltre 70 €/MWh nella seconda metà di settembre (contro i circa 20 €/MWh di inizio anno).

Prezzi correlati anche al prezzo della CO2 che, dalla fine del mese di agosto di quest'anno, si è attestato oltre i 60 €/tCO2. A titolo di confronto, si pensi che nel mese di settembre del 2020 la CO2 valeva circa 28 €/tCO2. Nel confronto con il secondo trimestre del 2021, il prezzo medio rilevato nel terzo trimestre è risultato in aumento del 13% circa.

Aumenti delle materie prime e della CO2 che confermano forti ripercussioni sui prezzi finali dei consumatori anche in altri Paesi europei, come la Spagna e la Francia.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Ricarica veicoli elettrici: la detrazione 50% è esclusa per la ricarica portatile

Chiarimenti dalla rivista online dell'Agenzia delle entrate sulle detrazioni per l'acquisto di un'in... (continua)

Schneider: un summit tra decarbonizzazione, elettricità 4.0 e automazione

Si è svolto il 12 ottobre l’Innovation Summit World Tour 2021 di Schneider Electric. Un'occasione... (continua)

Ampia gamma di utensili manuali e strumenti di misura

Da Melchioni Ready è possibile trovare un grande stock di utensili a marchio Stanley (continua)

In evidenza

Rinnovabili, iter semplificato per i piccoli impianti

Nuova delibera ARERA per gli impianti al di...