Home » Argomenti » Domotica » Building automation per il nuovo poliambulatorio della fondazione Colleoni

Building automation per il nuovo poliambulatorio della fondazione Colleoni

16/03/2020

La fondazione Colleoni a Castano Primo (MI) è un’organizzazione attiva nel settore socio-assistenziale e sanitario da oltre un secolo, che ospita persone anziane non autosufficienti che non possono essere assistite in casa, garantendo loro una completa assistenza sanitaria. La sua storia inizia nel 1896 quando contessa Francesca De Maestri, vedova Colleoni, acquistò un terreno in prossimità della chiesa di San Rocco e fece costruire un ospedale destinato ai malati meno abbienti. Nel tempo, la Fondazione Onlus Colleoni è rimasta fedele alla propria mission di fornire servizi adeguati ad accogliere le persone, garantire assistenza medico-sanitaria, oltre che benessere in termini di inclusione sociale. Con lo stesso spirito di attenzione alle necessità della comunità, la direzione ha deciso di rinnovare una parte della struttura per adibirla a poliambulatorio specialistico aperto a tutti.
 
ABB è stata scelta per fornire il pacchetto completo di building automation, che al sistema di distribuzione elettrica per il nuovo edificio perchè in grado di soddisfare tutte le richieste di comfort, sicurezza ed efficienza energetica.
 
Il poliambulatorio nasce con l’obiettivo primario di rispondere a precise richieste della comunità che al momento non ha una struttura simile a disposizione. Oltre a questo, il nostro scopo è farci conoscere dalle famiglie e vincere il pregiudizio che l’RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale) sia solo un ricovero per anziani,” spiega Livio Landi, Presidente della Fondazione Colleoni.
 
Il poliambulatorio sarà aperto a tutta la popolazione e offrirà servizi legati alle principali discipline, tra cui cardiologia, ginecologia , ortopedia, neurologia, piccoli interventi chirurgici, fisioterapia e assistenza infermieristica. L’utilizzo di specifiche apparecchiature, quali ad esempio l’ecografo, ECG e la necessità di attivare e disattivare la strumentazione a mani libere, ha portato all’installazione di un impianto ABB di building automation, abbinato alla serie civile Mylos.
 
Il sistema di automazione ABB-free@home è la soluzione ideale per questa applicazione. Con free@home è possibile configurare e gestire degli scenari che permettano di alzare e abbassare le tapparelle, variare l’intensità delle luci o spegnere completamente i dispositivi, garantendo massima sicurezza e semplicità di utilizzo, durante l’attività lavorativa,” spiega Fabrizio Rossi, titolare di Fast Impianti azienda da sempre attenta all’innovazione tecnologica, che oltre ad aver curato l’installazione dell’impianto elettrico, offre un servizio di assistenza H24. Scalabile e modulare, il sistema di building automation è inoltre integrato con nuovi dispositivi connessi quali il comando vocale Amazon Alexa e gli speaker Sonos per la diffusione audio.
 
Nel nuovo poliambulatorio è stato installato anche il sistema di videocitofonia Welcome M, integrato con free@home, che offre funzionalità aggiuntive quali la “Memoria di immagine”, per tenere traccia delle ultime 100 chiamate, risposte e non risposte, e un’elevata connettività che permette di gestire l’impianto videocitofonico sia in locale – tramite WiFi – sia da remoto grazie alla app disponibile per iPhone, iPad, smartphone e tablet Android.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Tecnologia e design per la videocitofonia smart

La gamma AVE dedicata alla videocitofonia offre la massima flessibilità a livello impiantistico (continua)

Con gli assistenti vocali anche il condizionatore diventa smart

La linea Etherea serie VKE e la linea compatta TZ serie WKE di Panasonic sono compatibili con i sist... (continua)

Connessione e integrazione: il CES di Las Vegas secondo BTicino

Al CES BTicino ha portato le proprie soluzioni integrate per smart home (continua)

In evidenza

DL Cura Italia, norme per gli addetti ai lavori elettrici

Valide fino al 30 aprile 2020 le abilitazioni...