Home » Argomenti » Domotica » Radiatori e scaldasalviette connessi grazie a un solo dispositivo

Radiatori e scaldasalviette connessi grazie a un solo dispositivo

21/03/2019

All’ultima edizione di ISH, Radiatori 2000 si è confermata un player di riferimento nel settore dei termoarredi. Sempre più attenta al mondo del riscaldamento elettrico, l’azienda innova il classico radiatore estruso, prodotto in alluminio riciclato e riciclabile, inserendo un’elettronica all’avanguardia, che si distingue rispetto agli standard presenti attualmente sul mercato. 

Nasce così Radiatori 2000 Smart, uno strumento di controllo unificato che permette l’interconnessione totale di tutti i radiatori e scaldasalviette della casa, contribuendo a facilitarne l’utilizzo quotidiano e nello stesso tempo ad aumentare il comfort dell’utente.

Il software, progettato in partnership con Selmo Electronics, garantisce alti valori di efficienza energetica e risulta conforme alle più stringenti direttive europee.

Cuore del progetto è l’hardware, studiato con una forma differente a seconda che si associ a uno scaldasalviette o a un radiatore così da integrarsi meglio al design del prodotto.

L’unità fissa One è disponibile per gli scaldasalviette ed è posizionabile sulla destra o sulla sinistra. In alternativa è possibile richiedere il telecomando accessorio che può essere agganciato agli elementi del prodotto mediante supporto magnetico, oppure posizionato a muro con l’apposta staffa di fissaggio. In entrambi i casi si possono gestire fino a 8 scaldasalviette diversi.

Per i radiatori l’hardware è stato invece ideato e disegnato in tutti i suoi particolari da Meneghello Paolelli Associati, in linea con due dei principali atout del marchio: massima funzionalità e cura estetica. Il risultato è una nuova elettronica essenziale e non invasiva che lascia completo spazio al radiatore stesso. 

Forme gentili e arrotondate, due diversi colori (bianco e nero), ridotte dimensioni – 12 cm di larghezza e 3 cm di spessore – e la garanzia di gestione di una potenza fino a 2000W trasformano l’elettronica di base in un prodotto innovativo posizionabile, a seconda delle esigenze, in basso oppure sul lato del radiatore. Si crea così un progetto ad hoc che segue le diverse forme dei termoarredi in cui l’estetica e il minimalismo sono centrali. Nulla è visibile se non i fasci led che cambiano cromia a seconda dello status o della variazione di funzione. Questo hardware sarà disponibile a partire da fine 2019.

Una tecnologia user friendly attraverso cui ogni radiatore è comandabile attraverso l’app o un termostato wireless remoto: con questi device è possibile stabilire facilmente la temperatura di comfort, quella per la notte e la programmazione settimanale scegliendo tra i 6 programmi preimpostati e 2 programmabili. 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network e...

Articoli che ti potrebbero interessare:

Un albergo di lusso tra i sassi di Matera con le migliori soluzioni domotiche

Aquatio Cave Luxury Hotel & SPA integra le più moderne soluzioni AVE per la gestione alberghiera (continua)

Il videocitofono standard ora è anche connesso

Classe 100 è la nuova offerta di videocitofoni e citofoni standard BTicino (continua)

Videocitofono standard connesso

Classe 100X è un videocitofono standard che rinuncia al touch screen, ma non alla consultazione via... (continua)

Aprire la porta con uno sguardo grazie al riconoscimento facciale

Comelit propone una nuova funzionalità di riconoscimento facciale per il proprio videocitofono Mini... (continua)

In evidenza

THAT’S MOBILITY 2019, le anticipazioni dello Smart Mobility Report

Immatricolazioni dei veicoli elettrici +70%...